Ultime classifiche

16/12/2018
CORRI OLIMPIA EUR

08/12/2018
LA NATALINA

04/11/2018
MATTI PER LA CORSA

Prossimi appuntamenti

13/01/2019
TROFEO LIDENSE

20/01/2019
LA CORSA DI MIGUEL

03/02/2019
LA PANORAMICA

ISCRIZIONE
GARE

Seguici anche su

Blog RinCorro

54684
visite dal 01/02/2014

La mia prima maratona (di Federico Brughitta)

Autore: Federico Brughitta
 

Sveglia all'alba ma gli occhi si aprono senza fatica. Oggi il giorno. La mia prima maratona, sognata un milione di volte, sudata con allenamenti e qualche difficolt che ti presenta il conto. Ma questo il passato. Oggi il giorno. Spero di far tutte le cose che mi ero prefissato, di non scordare nulla. Nulla al caso,tutto pensato preparato. Dubbi tanti. Non voglio pensarci. Ho voglia di correre. Ho voglia di divertirmi.
Arriviamo all'appuntamento con la Mia SQUADRA. Un mare di runners intorno. Chi saltella nervoso, chi si nasconde dietro cespugli, chi fa stretching, chi sorride, chi mangia. In un attimo molliamo le borse, foto di rito e la folla ci inghiotte verso la partenza. Chiudo gli occhi mi sembra di sentire i cuori palpitanti di chi sta al mio fianco. Forse il mio. Odore di olio canforato. Odore di gara voglia di correre soffrire e sudare. Voglia di divertimento.
Lo START mi distoglie dal torpore. Ora il giorno. Ora la gara. I chilometri si susseguono, ognuno col suo momento, ognuno col suo pensiero. La testa divaga spensierata le gambe leggere e cariche consumano terreno, inseguono piedi bramosi di arrivare. Mi trovo al decimo senza rendermene conto. Mando gi qualcosa dal rifornimento. Il sorriso mi accompagna. Proseguo la festa, corro incontro al destino cercato. I chilometri volano, le gambe girano la festa prosegue. Sono alla mezza. Non ho fatto nulla. Il sorriso tiene la voglia anche. Proseguo la strada mi accompagna, qualcuno rallenta. Lo incito. La strada passa ancora veloce.
Sono a trenta. Qualcuno mi ha detto qui dura. Non mollo. Non vero. La strada ancora lunga. La festa c' ancora. Molti rallentano, qualcuno si pianta, qualcuno ha ancora la forza di gridare e fare festa. Lo invidio. Sento la fatica. Nessun dolore. Tanta voglia di proseguire. Sampietrini. Maledetti, troppi. I piedi iniziano a riempire ogni millimetro della scarpa. La bocca si asciuga. Lo stomaco reclama. La strada si fa difficile. Ma devo arrivare. Voglio arrivare. Rallento anche io. Mi faccio abbracciare dal pubblico siamo vicini sento le grida, vedo la folla. Qualcuno urla il tuo nome. Ti senti importante.
Sono al trentottesimo. La strada si stringe. Molti passeggiano. Vedo il primo con i crampi. Mi dispiace. Ti prego Non a me. Oggi la mia prima. Proseguo. Anche se rallento comunque una festa. Me ne frego del tempo. La gara con me stesso. Voglio arrivare. Ma quanto manca. Sento le gambe irrigidite. Ma proseguono. Mi portano. Quaranta! Allora dai che ci siamo. La testa non vuole pensare alla fatica. Le gambe cancellerebbero i sampietrini. Vai ancora. Un runner mi si accascia davanti. Fortunatamente lo soccorrono subito. Maledetti crampi non giusto. C'era quasi. La fortuna mi accompagna. Il sorriso pi teso. C' la discesa!!! Quasi quasi preferivo la salita. Ad ogni passo la fatica avvolge i miei muscoli. Non posso, non devo, non voglio mollare. Vedo piazza Venezia allora sta per finire. Vedo il traguardo vedo la vita. Un lacrima riga il mio volto. Dei brividi si impossessano della mia pelle.
finita. La mia gara il mio giorno. Continuo a piangere. Ma la medaglia mi riporta alla realt. Sono un FINISHER!!! Potr raccontarlo...
Oggi stato il mio giorno. La mia gara. E ho VINTO!!!

2014-2018 Rincorro A.S.D. - info@rincorro.it

info sito